Emersioni rapporti di lavoro e richiesta permesso di soggiorno in emergenza Covid-19

Emersioni rapporti di lavoro e richiesta permesso di soggiorno in emergenza Covid-19

Pratomigranti » Documenti » Permesso di soggiorno » covid-19 emersioni rapporti di lavoro
Logo pagine interne
logo pratomigranti.it
icona scelta lingua

Emersioni rapporti di lavoro e richiesta permesso di soggiorno in emergenza Covid-19

Il Decreto Legge 19 maggio 2020 n. 34 all’articolo 103 “Emersioni rapporti di lavoro” prevede la possibilità, qualora presenti determinati requisiti, per cittadini di paesi terzi di regolarizzare la propria posizione amministrativa. Il decreto interministeriale 27 maggio 2020 (Gazzetta Ufficiale Serie generale n.137 del 29 maggio 2020) disciplina le modalità per la presentazione delle domande di emersione di rapporti di lavoro dei cittadini extracomunitari, italiani e dell'Unione europea, e per le domande di permesso di soggiorno temporaneo.

Settori economici interessati

  • agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse;
  • assistenza alle persone affette da patologie o handicap che limitino l’autosufficienza (per se stessi o per componenti della propria famiglia anche se non conviventi);
  • lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

Modalità per la presentazione delle domande

Le istanze potranno essere presentate dal 1 giugno 2020 al 15 luglio 2020 e sono previste due procedure.

Procedura 1 (comma 1 del Decreto):

Riguarda la stipula o la regolarizzazione di rapporti di lavoro (nei settori indicati al punto precedente);

Riguarda i cittadini stranieri che possano dimostrare di essere presenti in Italia da una data anteriore all’8 marzo 2020 (tramite dichiarazione di presenza o di attestazioni provenienti da organismi pubblici come cartelle cliniche, certificazioni provenienti da Aziende Sanitarie pubbliche, tessere di trasporto nominative...);
può essere attivata esclusivamente dal datore di lavoro (italiano o straniero in possesso di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo) il quale:

  • deve dimostrare un reddito imponibile o di un fatturato risultante dall'ultima dichiarazione dei redditi o dal bilancio di esercizio precedente non inferiore a 30.000€ per il settore agricolo allevamento e zootecnia, pesca acquacoltura e attività connesse, 20.000€ per lavoro domestico o di assistenza (27.000€ se nel nucleo familiare sono presenti più percettori di reddito).                                                                                                      Il requisito di reddito non è richiesto al datore di lavoro affetto da patologie o disabilità per l’assunzione di un unico lavoratore addetto alla propria assistenza;
  • deve versare un contributo forfettario di 500€ per ogni lavoratore (tramite il modello F24 - REDT 2020 disponibile presso gli sportelli bancari, gli uffici postali o da scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate);
  • in caso di dichiarazione di sussistenza di un rapporto di lavoro è previsto anche il pagamento di un contributo forfettario per le somme dovute dal datore di lavoro a titolo retributivo, contributivo e fiscale, che sono state determinate con il Decreto Ministeriale del 27 maggio 2020.

In questo caso l’istanza andrà presentata allo Sportello Unico per l’Immigrazione competente tramite il portale Nullaostalavoro per i lavoratori non comunitari e ad INPS nel caso di lavoratori italiani o cittadini UE.

Sul portale ministeriale dovrà essere utilizzato il modello EMdom_2020 per lavoro domestico o di assistenza e il modello EMsub_2020 per tutti gli altri rapporti di lavoro previsti al punto.

Qualora ricorrano tutti i requisiti e acquisiti i necessari pareri, a conclusione dell’istruttoria la Questura emetterà un titolo di soggiorno per lavoro subordinato.

Procedura 2 (comma 2 del Decreto):

può essere attivata dal cittadino straniero precedentemente già in possesso di titolo di soggiorno se concorrono le seguenti condizioni:

  • il permesso di soggiorno è scaduto dalla data del 31/10/2019 senza che ne sia stato conseguito rinnovo o conversione;
  • si possa dimostrare di essere in Italia da una data anteriore all’08/03/2020;
  • si sia già svolta attività lavorativa nei settori dei quali al punto 1 (l’attività dovrà essere verificabile dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro);
  • si sia in possesso di passaporto o di documento equipollente;
  • è previsto il versamento di un contributo di 130€ (tramite il modello F24 - RECT 2020 disponibile presso gli sportelli bancari, gli uffici postali o da scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate);

In questo caso l’istanza andrà presentata alla Questura competente tramite gli Uffici Postali, a partire dal primo giugno, seguendo la turnazione in base al cognome prevista dal programma Accessi agli uffici postali Sportello Amico e utilizzando gli appositi Kit.
Verificata  l'ammissibilità  dell'istanza  e  accertata l'insussistenza di cause di  rigetto  o  di  motivi  ostativi all'accoglimento della stessa, sarà emesso un titolo di soggiorno temporaneo di 6 mesi che consentirà di essere assunti nei settori indicati al punto 1.

Trovato il lavoro il permesso temporaneo può essere convertito in un permesso per “lavoro subordinato”.

Per informazioni

Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero verde 800242525 dell'ufficio immigrazione del Comune di Prato nei seguenti giorni e orari:

  • il lunedì dalle ore 9 alle13 e dalle ore 15 alle 17 rispondono operatori in lingua italiana, cinese e urdu;
  • il martedì dalle ore 9 alle 13 rispondono operatori in lingua italiana, cinese e urdu, dalle ore 9.30 alle 12.30 anche in lingua albanese;
  • il mercoledì dalle ore 9 alle 13 rispondono operatori in lingua italiana, cinese e urdu;
  • il giovedì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 17 rispondono operatori in lingua italiana, cinese e urdu;
  • il venerdì dalle ore 9 alle 13 rispondono operatori in lingua italiana, cinese e urdu e dalle ore 9 alle 12 anche in lingua araba.

Link utili

Sito Ministero dell'interno - istruzioni approfondite sulle procedure di presentazione delle domande

Helpdesk Ministero dell’interno – Dipartimento per le libertà civili e immigrazione 

Accessi agli uffici postali “Sportello Amico”:

Istruzioni per la compilazione del modulo da allegare alla pratica

Servizio inoltro telematico pratiche

Testo Decreto legge 19 maggio 2020 n. 34

Testo Decreto interministeriale 27 maggio 2020

 

Ultimo aggiornamento: venerdì 12 giugno 2020
- Inizio della pagina -
Il progetto Pratomigranti è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it