Nulla osta per il ricongiungimento familiare

Nulla osta per il ricongiungimento familiare

Logo pagine interne
logo pratomigranti.it
icona scelta lingua

Nulla osta per il ricongiungimento familiare

05.08.2016 - Il Ministero dell’Interno ha chiarito che, in conseguenza delle nuove disposizioni normative sulle unioni civili, il diritto al ricongiungimento familiare si estende ai cittadini stranieri dello stesso sesso uniti civilmente, alle medesime condizioni previste per i coniugi (Circolare n. 3511 del 5 agosto 2016).

Il nulla osta al ricongiungimento familiare può essere richiesto per:

  • coniuge o partner unito civilmente, non legalmente separato e di età non inferiore ai diciotto anni. Il richiedente del ricongiungimento deve accertare di non avere altro coniuge nel territorio nazionale presentando allo Sportello Unico per l'Immigrazione un certificato di stato di famiglia rilasciato dal comune di residenza;
  • figli minori, anche del coniuge o nati fuori del matrimonio, non coniugati, a condizione che l'altro genitore, qualora esistente, abbia dato il suo consenso;
  • figli maggiorenni a carico, qualora per ragioni oggettive non possano provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute che comporti invalidità totale;
  • genitori a carico, qualora non abbiano altri figli nel Paese di origine o di provenienza, ovvero genitori ultrasessantacinquenni, qualora gli altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per gravi motivi di salute certificati. Per richiedere il ricongiungimento del genitore è necessario presentare il certificato di matrimonio del genitore così da verificare che sul territorio nazionale non sia presente il coniuge del genitore da ricongiungere.

Per il ricongiungimento si considerano minori i figli di età inferiore a diciotto anni al momento della presentazione della domanda di ricongiungimento. I minori adottati o affidati o sottoposti a tutela sono considerati come figli.

Importante

Quando non è accertato con documenti il riconoscimento dei familiari indicato nelle lettere b), c) e d) è possibile effettuare l'esame del DNA (acido desossiribonucleico). Il test del DNA va effettuato presso l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) che ha l'incarico del Ministero degli Esteri.

Il genitore naturale può ricongiungersi al figlio minore già soggiornante in Italia con un altro genitore. Sono necessari i requisiti di alloggio e reddito del genitore nel territorio nazionale.

Il nulla osta al ricongiungimento familiare permette di ottenere il visto d'ingresso in Italia e successivamente un "permesso di soggiorno per motivi familiari", che permette di:

  • lavorare (in modo subordinato o autonomo);
  • iscriversi a scuola;
  • accedere al Servizio Sanitario Nazionale.

A chi è rivolto

Possono chiedere il ricongiungimento familiare i migranti che hanno uno di questi permessi di soggiorno:

  • permesso di soggiorno per lavoro subordinato (con durata non inferiore a un anno);
  • carta di soggiorno (per parenti di cittadini UE);
  • permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • permesso per lavoro autonomo non occasionale;
  • motivi familiari (con durata non inferiore a un anno);
  • per studio;
  • per motivi religiosi;
  • per asilo;
  • per protezione sussidiaria.

Il rilascio del Nulla Osta al ricongiungimento familiare è di competenza dello Sportello Unico per l'Immigrazione che procede verificati i seguenti requisiti:

  • reddito annuo uguale o superiore all'importo dell'assegno sociale, aumentato della metà dell'importo per ogni familiare da ricongiungere; per il ricongiungimento di due o più figli di età inferiore a 14 anni o di due o più familiari dei titoli dello status di protezione sussidiaria è necessario un reddito non inferiore al doppio dell'assegno sociale;
  • disponibilità di un alloggio conforme ai requisiti igienico sanitari, nonché di idoneità abitativa, accertati dai competenti uffici comunali
  • per i genitori ultrasessantacinquenni è richiesta un'assicurazione sanitaria obbligatoria o l'iscrizione al Servizio sanitario nazionale (vedi "Allegati"). Poiché passa moltissimo tempo tra la presentazione della domanda di ricongiungimento e l’effettivo arrivo in Italia del familiare, al momento della presentazione della domanda basta presentare una dichiarazione formale di impegno a sottoscrivere l’assicurazione (in modo da non doverla pagare anche nei lunghi mesi di attesa). Questa dovrà poi essere sottoscritta entro i primi otto giorni dall’arrivo in Italia del genitore, e prima che quest’ultimo si presenti allo Sportello unico per presentare domanda di permesso di soggiorno.

Successivamente al rilascio del Nulla Osta e prima del rilascio del visto d'ingresso la rappresentanza diplomatico/consolare competente verifica un ulteriore requisito:

  • dimostrazione della parentela (serve certificazione anagrafica del rapporto familiare, da presentare al consolato italiano del Paese di provenienza contestualmente alla richiesta del visto); quando non è possibile avere una documentazione certa e sono presenti dubbi sulla parentela dovrà essere effettuato, a spese degli interessati, l'esame del Dna (acido desossiribonucleico) che accerti lo stato di parentela da effettuare presso l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim).

Tempi e iter della pratica

Il termine per il rilascio del nulla osta, che permette al cittadino straniero di ottenere il visto d'ingresso dalle autorità consolari italiani e dalle rappresentanze diplomatiche è di 180 giorni.

Entro 8 giorni dall'ingresso in Italia, il familiare deve andare allo Sportello Unico per l'Immigrazione, per gli adempimenti amministrativi tra i quali la compilazione dei moduli per la richiesta del "permesso di soggiorno per motivi familiari".

Allegati

Fonte allegato: Servizio immigrazione e cittadinanza - Comune di Prato
Fonte allegato: Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) - Comune di Prato

Dove andare

Ufficio Relazioni con il Pubblico - URP Multiente
Sede
Piazza del Comune
, 9
 - 59100
 Prato
 PO
Numero verde800 058 850 (attivo solo da numero fisso)
Telefono0574 1836096
Fax: 0574 1837316
Orario: Lunedì: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 17.00
Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 9.00 - 13.00

Sportello di orientamento legale: giovedì ore 15.00 - 17.00 (solo su appuntamento);

Punto Unicef: su appuntamento

Sportello disabili ancH'io: ogni mercoledì 9.00 - 13.00
Orario estivo: Lo sportello disabili ancH'io riaprirà il 18 settembre.
Lo Sportello Orientamento legale: rimane chiuso tutto agosto e riapre giovedì 19 settembre (su appuntamento)
E-mailurpmultiente@po-net.prato.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
Servizio immigrazione e cittadinanza
Sede
Via Roma
, 101
 - 59100
 Prato
 PO
Numero verde800 242 525 (centralino)
Centralino0574 1835420
Fax: 0574 1837413
Orario: Per informazioni, prenotazioni appuntamenti, idoneità alloggiativa, progetto SPRAR (Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati):
Lunedì e giovedì ore 9.00 - 13.00 e ore 15.00 - 17.00
Martedì e venerdì ore 9.00 - 13.00
Mercoledì chiuso

Operatori madrelingua:
Albanese: martedì 9.30 - 12.30;
Cinese: lunedì e giovedì 9.00 - 13.00 e 15.00 - 17.00; martedì e venerdì 9.00-13.00;
Araba: venerdì 9.00 - 12.00;
Urdu: lunedì 9.00 - 13.00

Procedimento certificati di idoneità alloggiativa (solo per enti pubblici): scrivere a idoneitaalloggiativa@comune.prato.it
E-mailimmigrazione@comune.prato.it
idoneitaalloggiativa@comune.prato.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
Sportello Unico per l'Immigrazione (SUI)
Sede
Via dell'Accademia
, 32
 (centro storico)
 - 59100
 Prato
 PO
Telefono0574 430234
Fax: 0574 430280
Orario: Solo su appuntamento. Per telefonare: da lunedì a giovedì 9.00 - 12.00
E-mailimmigrazione.pref_prato@interno.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
Inviaci il tuo parere

Leggi l'informativa sulla privacy (apre una nuova finestra)


Attenzione: Eventuali campi preceduti da (*) sono obbligatori.

Captcha Ricarica Immagine | Audio dell'immagine

Ultimo aggiornamento: mercoledì 12 ottobre 2016
- Inizio della pagina -
Il progetto Pratomigranti è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it