Legalizzazione, apostille e traduzione giurata di documenti

Legalizzazione, apostille e traduzione giurata di documenti

Pratomigranti » Documenti » Legalizzazione, apostille e traduzione giurata di documenti

Legalizzazione, apostille e traduzione giurata di documenti

I documenti che obbligatoriamente devono essere tradotti e legalizzati sono: certificati anagrafici, atti notarili e giudiziari, titoli di studio o attestati conseguiti, documenti per la circolazione di mezzi, documenti testamentari.

Chi vuole far valere un documento italiano all'estero oppure un documento che proviene dall'estero per l'Italia, oppure ancora un documento che proviene da un consolato estero ma su territorio italiano, deve validare l’autenticità del documento.

A seconda della necessità, della lingua di traduzione e/o del Paese di destinazione può essere necessaria la traduzione giurata (o asseverata), l’apostilla o la legalizzazione del documento.

Traduzione giurata                                       

I documenti fatti all'estero, che devono valere in Italia, devono anche essere tradotti in italiano.

La traduzione giurata è una procedura che attesta ufficialmente la corrispondenza tra un documento originale e un testo tradotto. Si effettua per rendere valido all’estero un documento rilasciato in Italia oppure per utilizzare in Italia un documento rilasciato all’estero in lingua originale.

Il traduttore può essere:

  • un traduttore madrelingua (che può essere la persona stessa che ha tradotto il documento);
  • una figura professionale (traduttore, interprete, perito o altro) iscritta all’albo dei consulenti tecnici presso il Tribunale di competenza (vedi Allegati);
  • una figura professionale (traduttore, interprete, perito o altro) iscritta all’Associazione Periti ed Esperti della Camera di Commercio dell’Industria e dell’Artigianato competente.

Il traduttore, utilizzando uno specifico verbale di asseverazione, firma la propria traduzione giurata assumendo civilmente e penalmente la responsabilità della traduzione. 

Se il documento è destinato all'estero, le firme dei traduttori giurati devono essere legalizzate dall'autorità consolare italiana, con provvedimento distinto. Alcune Convenzioni Internazionali rendono la firma dei traduttori di certi atti, o anche di ogni tipo di documento, non necessaria. Fra queste:

  • Convenzione riguardante l'abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri (L’Aja, 05/10/1961);
  • Convenzione relativa ai modelli plurilingue degli estratti di nascita, matrimonio e morte (Vienna, 08/09/1976);
  • Convenzione relativa al certificato di capacità matrimoniale (Monaco, 05/09/1980);
  • Convenzione relativa alla soppressione della legalizzazione di atti negli stati membri delle comunità europee (Bruxelles, 25/05/1987).

Per informazioni rivolgersi all’Ufficio Giudice di Pace 

Legalizzazione                                             

Dopo la traduzione di documenti destinati all’estero è necessaria la legalizzazione. Legalizzare un documento significa far convalidare la firma.

In Italia la legalizzazione dei documenti spetta, generalmente, alla Prefettura.

Per gli atti dei notai, dei funzionari giudiziari e dei cancellieri la competenza è del Procuratore della Repubblica del circondario nel quale ha sede il notaio o l’ufficio giudiziario cui appartiene il funzionario o cancelliere.

La persona che deve legalizzare un documento ha due possibilità:

  1. inviare per posta alla Prefettura il documento da legalizzare insieme ad una busta vuota con francobollo e indirizzo del mittente (attraverso la quale verrà restituito il documento);
  2. andare all'Ufficio relazioni con il pubblico - URP Multiente, ricordandosi di portare con sé i permessi di soggiorno di tutte le persone presenti nel documento da legalizzare.

Chi vuole legalizzare per l'Italia un documento fatto all'estero, deve invece recarsi da un rappresentante diplomatico o da un console italiano nel suo Paese di origine.

In presenza di Convenzioni Internazionali che lo prevedono, non c'è l'obbligo di legalizzare un documento. Le Convenzioni in vigore che rendono la legalizzazione non necessaria sono:

  • Convenzione per il rilascio gratuito e la dispensa da legalizzazione di atti dello stato civile (Lussemburgo, 26/09/1957);
  • Convenzione riguardante l'abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri (L’Aja, 05/10/1961);
  • Convenzione Europea (Londra, 07/06/1968);
  • Convenzione sulla dispensa dalla legalizzazione per taluni atti e documenti (Atene, 15/09/1977);
  • Convenzione relativa alla soppressione della legalizzazione di atti negli stati membri delle comunità europee (Bruxelles, 25/05/1987).

Per controllare se il proprio Paese di appartenenza rientra in una di queste Convenzioni, è possibile consultare la Banca Dati ITRA, un vero e proprio archivio elettronico dei Trattati e delle Convenzioni Internazionali vigenti, curato dal Ministero degli Affari Esteri italiano.

Gli atti e i documenti rilasciati da una rappresentanza diplomatica o consolare presente in Italia, che devono avere validità sul territorio italiano, devono essere accompagnati dalla marca da bollo da 16 €.

Apostille

I documenti che vengono fatti o che devono avere validità in uno dei Paesi della Convenzione riguardante l'abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri (L’Aja, 05/10/1961), devono avere l'apostille. L'apostille sostituisce la legalizzazione.

L'apostille è un'annotazione, con un timbro specifico, messa sul documento originale.

Chi proviene da uno degli Stati della Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961, deve andare dall'autorità interna competente, scelta da ogni Paese aderente, e farsi mettere l'apostille.
Per verificare quale autorità, nel proprio Paese, si occupa di apporre l'apostille, è possibile visitare il sito della Conferenza dell'Aja di diritto internazionale privato, un'organizzazione inter-governamentale con sede all'Aja, istituita nel 1893 e diventata, nel tempo, centro di cooperazione giudiziaria ed amministrativa internazionale nel campo del diritto internazionale privato.

 

Allegati

Fonte allegato: Tribunale di Prato

Dove andare

Ufficio Relazioni con il Pubblico - URP Multiente

17.11.2017 - L'ufficio effettuerà la chiusura pomeridiana lunedì 20 novembre, lunedì 11 dicembre e lunedì 18 dicembre per corsi di formazione del personale.

19.09.2017 - Da lunedì 25 settembre i tesserini venatori per la stagione 2017/2018 di tutti i cacciatori di Prato, che ancora non hanno effettuato il ritiro, verranno consegnati in un’unica sede: quella dell’Urp di Piazza del Comune dalle 9.00 alle 13.00.

Sede
Piazza del Comune
, 9
 (ingresso Piazza del Comune, 9)
 - 59100
 Prato
 PO
Numero verde800 058 850 (attivo solo da numero fisso)
Telefono0574 1836096
Fax: 0574 1837316
Orario: Lunedì: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 17.00
Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 9.00 - 13.00

Sportello di orientamento legale: giovedì ore 15.00 - 17.00 (solo su appuntamento);

Tesserini venatori e tartufi: dal lunedì al venerdì 9.00 - 12.00;

Punto Unicef: su appuntamento;

Sportello disabili ancH'io: ogni mercoledì 9.00 - 13.00;
E-mailurpmultiente@po-net.prato.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
Palazzo di giustizia - tribunale, procura della repubblica
Sede
Piazzale G.Falcone P.Borsellino
, 8
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 5791
Telefono0574 579275 - 0574 579370 (Segreteria del tribunale)
0574 579309 (Segreteria Procuratore della Repubblica)
0574579349 (Sportello antiviolenza)
Fax: 0574 593628
Orario: Procura: casellario giudiziario dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Cancelleria:
Civili (lunedì,martedì, giovedì, venerdì) 10.00- 12.00
Penali(lunedì, martedì, giovedì, venerdì) 10.00- 13.00
Tutte le cancellerie sono chiuse il Mercoledì

Ufficiale giudiziario: dal lunedì al venerdì, 9.00-12.00, atti urgenti fino alle 10.30, atti prenotati 8.30-9.30, esecuzioni unep 9.00- 12.00, sabati e prefestivi dalle 9.00 alle 10.00, atti urgenti fino alle 11.00

Segreteria civile: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Segreterie dei magistrati: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Ufficio legalizzazioni: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Ufficio registro generale: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Ufficio dibattimento: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Ufficio casellario: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Ufficio rilascio copie: dal lunedì al venerdì 9.00-12.00;

Sportello antiviolenza dalle 9.00 alle 12.00

Apertura del Palazzo dalle 8.30 fino alle 19.00
E-mailtribunale.prato@giustizia.it
procura.prato@giustizia.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
Ufficio giudice di pace
Sede
Viale della Repubblica
, 241
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 51081
Fax: 0574 510841
Orario: Le cancellerie sono aperte dalle ore 8.30 alle 11.00
Per il giuramento di traduzione e perizie l'ufficio è aperto solo il giovedì e si riceve solo su appuntamento.
E-mailgdp.prato@giustizia.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
Inviaci il tuo parere

Leggi l'informativa sulla privacy (apre una nuova finestra)


Attenzione: Eventuali campi preceduti da (*) sono obbligatori.

Captcha Ricarica Immagine | Audio dell'immagine

Ultimo aggiornamento: mercoledì 30 novembre 2016
- Inizio della pagina -
Il progetto Pratomigranti è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it